Autore: Tito Lucrezio Rizzo

Riflessioni a margine della riforma della legittima difesa.

Nell’attuale legislazione penale, in gran parte fondata sul codice Rocco, con gli aggiornamenti resisi necessari dal divenire socio-politico nell’arco dei quasi 90 anni trascorsi dalla sua redazione, l’art. 52 c. pen. testualmente recita: “Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa”.

Per saperne di più

Accedi alla sezione

Accedi alla sezione

Accedi alla sezione

Accedi alla sezione